Polpette di Cavolfiore

IMG_20150112_150016

Da piccola non amavo molto la verdura e in particolar modo i cavolfiori.

Ricordo mia nonna paterna preparare teglie di pasta al forno con cavolfiore che venivano consumate durante i pranzi domenicali a casa sua.

Ero una bambina timida e introversa, non riuscivo a dire no a quei piattoni di pasta e così ingurgitavo silenziosa.

Con gli anni ho iniziato  ad amare le verdure e paradossalmente il cavolfiore, ortaggio semplice e tipicamente  invernale dalle tante proprietà benefiche, antitumorali, antinfiammatorie, ricco di ferro e omega 3.

Oggi proporrò  le mie adorate polpette.

Sfizioso finger food e saporito antipasto.

Sono molto versatili e sarà  possibile arricchirle con tutti gli ingredienti che riterrete opportuni.

Inoltre, dopo tante versioni ed esperimenti, ho eliminato l’uovo.

Potrete preparare le polpette il giorno prima e cucinarle il giorno dopo.

Per 20 polpette

1 cavolfiore di piccole dimensioni biologico

Pinoli

Pesto*

Uvetta ammollata precedentemente in acqua tiepida

Scorza d’arancia 

Basilico o mentuccia

Parmigiano  

Pepato, caciocavallo, provola o scamorza

Pangrattato*

Sesamo

Pulire il cavolfiore e ridurlo in cimette.

Bollirlo in acqua salata per circa 5 minuti.

Scolarlo e attendere il raffreddamento. Questo è importante  per poter formare bene le polpette.

Una volta freddo inserirlo in un robot da cucina insieme a 2 cucchiaini di pesto, mentuccia o basilico, una manciata di parmigiano e del formaggio saporito a Vs scelta come il pepato fresco.

Frullare il tutto

Solo a questo punto io aggiungo i pinoli e l’uvetta sminuzzata (facoltativo) e un pò di scorza d’arancia

Se l’impasto dovesse essere troppo molle aggiungere un cucchiaio di mollica e mescolare ma se utilizzerete il cavolfiore freddo non avrete questo problema

Formare le polpette e passarle nella pangrattato miscelato ai semi di sesamo.

Fare riposare le polpette in frigo fino all’utilizzo.

Ora dovrete scegliere il tipo di cottura.

Io preferisco friggerle in olio ben caldo.

Attenzione perché sono delicate e dovrete girare le polpette solo quando saranno ben cotte da un lato.

Alternativa sicuramente più light è la cottura in forno statico irrorate con un filo di olio evo (olio extravergine di oliva)

* per me certificato senza glutine

IMG_20150112_134223

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...